Come funzionano i Bitcoin: 5 curiosità

Ne senti spesso parlare, ma non hai ancora capito come funzionano i bitcoin? Non ti preoccupare, sei capitato sulla pagina giusta. In questo articolo ti daremo qualche notizia in più sui bitcoinPer essere precisi e pignoli ti daremo 5 informazioni sulla moneta virtuale e sul suo funzionamento.

Chi ha inventato i bitcoin?

Chi ha avuto questa idea? Vorrei poter rispondere a questa domanda. Purtroppo dobbiamo accontentarci di uno pseudonimo: Satashi Nakamoto. Sembrerebbe giapponese, ma in realtà non si sa nemmeno se sia un lui o una lei. Anche il significato del nome non è chiaro: vento, pensiero, medium, origine oppure fondamento. In realtà tutte queste voci non è detto che rimandino direttamente al creatore della valuta virtuale. Questo mistero ha comunque stimolato le indagini dei giornalisti. Da queste inchieste sono emersi 3 identikit: un laureato in crittografia, un ex sviluppatore di giochi e infine un amante della cultura giapponese. In tempi più recenti, laustraliano Craig Steven Wright ha confessato di essere lui la mente dei bitcoin. Ma al momento permangono ancora molti dubbi.

come funzionano i bitcoin

Acquistare con bitcoin

Hai presente i vecchi programmi di download di file musicali peer to peer come e-mule? Beh, i bitcoin si appoggiano alla stessa architettura informatica delle reti di File sharing. In questa rete tutti i computer collegati sono su un livello paritetico: cioè, possono essere client e server al tempo stesso. Per quanto riguarda l’utilizzo, i bitcoin sono virtuali ma possono acquistare cose reali, oppure denaro corrente. Il valore di questa moneta è variabile: 5 anni fa un bitcoin valeva 2 dollari, oggi quasi 180, ma mentre scrivo, il cambio bitcoin potrebbe essere modificato. Inoltre, gli acquisti con questa valuta garantiscono un livello alto di anonimato.  Tradotto: le transazioni sono sempre consultabili. ma l’autore non può essere rivelato.

Come pagare con bitcoin

Veniamo al dunque. Ecco cosa devi fare per iniziare a pagare con bitcoin. L’operazione preliminare è scaricare il client che genererà il tuo portafogli virtuale (wallet). Quando apri il portafogli, comparirà il codice alfanumerico che identificherà il primo address bitcoin. Prendi carta e penna e annotalo, se lo perdi i tuoi dati scompariranno per sempre nella rete. Al tuo portafogli saranno associati tutti i bitcoin address che genererai e non solo: da lì invierai e riceverai il “denaro” per le tue operazioni.

Come generare bitcoin

Sì, il portafoglio ce l’hai ma è vuoto  e ti stai chiedendo “come posso generare bitcoin“. Nessun problema, la soluzione è semplice. Per prima cosa devi entrare in un pool, ovvero in un “gruppo” molto particolare, composto da soci che cedono una parte delle risorse del proprio terminale per risolvere alcune crittografie. Quando il pool risolve una crittografia, automaticamente riceve un pacchetto (ma anche di più) da 50 bitcoin che viene ripartita tra i partecipanti. In parti uguali? Non proprio: in base al contributo dato nel processo di risoluzione delle stringhe.

Bitcoin: vantaggi e svantaggi

La criptovaluta bitcoin offre sicuramente qualche vantaggio notevole. Innanzitutto protegge dall’inflazione. Questo perché c’è un limite massimo di moneta generabile pari a 21 milioni. Raggiunto questo tetto non si possono produrre altri bitcoin, a differenza di quelle ufficialmente in circolazione. Senza dimenticare la sicurezza dei dati trasmessi e i costi delle transizioni vicino allo 0, a differenza delle carte di credito tradizionali. Ma esiste anche il rovescio della medaglia. Ci sono delle limitazioni. A differenza delle banconote “pagabili a vista del portatore”, la gestione di questa valuta virtuale richiede un minimo di conoscenza informatica, inoltre il suo valore è fluttuante, quindi instabile. Il passaggio “da tanto a poco” può avvenire anche in poco tempo. Infine, è vero che con i bitcoin si possono acquistare tante cose molto diverse tra loro (software, libri, ecc ecc), però i negozi che accettano tale pagamento non sono ancora diffusi capillarmente, complice una certa ignoranza sull’argomento da parte dei consumatori e dei commercianti.

 

 

 

 

1 pensiero su “Come funzionano i Bitcoin: 5 curiosità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *